Le successioni

Home » Blog » Aspetti fiscali » Spunti di approfondimento – 1 webinar MC Successioni – modulo Base

Spunti di approfondimento – 1 webinar MC Successioni – modulo Base

I buoni postali e la dichiarazione di successione

 Pur essendo un argomento non trattato direttamente nel webinar in oggetto, il trattamento fiscale dei buoni postali e il loro inserimento in successione ha portato i partecipanti del corso a sollevare alcune domande e richieste di chiarimenti; da qui la necessità di approfondire la questione.

 I buoni postali, come Bot e tutti gli altri titoli di Stato o garantiti dallo Stato o ad essi equiparati godono di una esenzione dall’imposta di successione.

Ciò significa che il loro passaggio ereditario non sconta imposta e gli stessi, esclusi dall’attivo ereditario fiscale, non devono essere inseriti in dichiarazione di successione.

 Succede però che le poste o la banca di riferimento, in caso di mancato inserimento in dichiarazione di detti titoli faccia problemi per la loro assegnazione agli eredi. Questo perché la banca svolge, nei confronti del de cuius, sostituito dai suoi eredi, il ruolo di debitore e, nel momento in cui va ad assolvere la propria prestazione (pagando il saldo dei buoni), deve essere certa di pagare al creditore effettivo o, quantomeno, al creditore apparente, cosi da liberarsi in via definitiva del debito.

 Questa apparenza del diritto che individua correttamente il creditore a cui liquidare il debito viene ottenuta o con la presentazione della dichiarazione di successione (cui viene allegato l’atto sostitutivo di notorietà in cui il dichiarante, sotto la propria responsabilità anche penale, individua gli eredi) oppure con la consegna a Poste o banca della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà.

 Detta dichiarazione che attesta, sotto la responsabilità, come si è detto, del dichiarante, chi sono gli eredi e per che quote concorrono nel patrimonio ereditario, una volta consegnata all’ente debitore, permette a quest’ultimo di liberarsi dal debito liquidando buoni o titoli. Laddove poi la dichiarazione risultasse mendace la responsabilità della restituzione delle somme illegittimamente ottenute sarà a carico del solo erede dichiarante e non vi saranno conseguenze per la banca (qualora invece questa avesse pagato al non creditore sarebbe tenuta a ripagare la somma per intero rifacendosi poi nei confronti del non creditore).

 Ciò detto: alla Banca o Posta basta la dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui il dichiarante attesta il suo status di erede (non può valere un atto notorio in cui il dichiarante si individua come chiamato all’eredità in quanto lo stesso dimostra di non aver assunto lo status di erede e, conseguentemente, di creditore).

Qualora poi la stessa chieda la copia della dichiarazione di successione ritengo si possa agire come segue:

se comunque la dichiarazione va presentata per altri cespiti può essere utile inserire in dichiarazione anche i buoni postali valorizzandoli però, ai fini del calcolo dell’imposta successoria, a zero; se invece la successione è esonerata dalla presentazione della dichiarazione oppure la stessa è gia stata consegnata, può essere opportuno insistere con l’ente debitore per la consegna dell’atto notorio (essendo in realtà quello e non la dichiarazione l’atto che configura l’apparenza del diritto).


3 commenti

  1. mauri ha detto:

    Al momento in cui l’erede riceve dall’istituto di credito la “dichiarazione di sussistenza”, ha già prodotto, all’istituto di cui sopra, la dichiarazione sostitutiva. Ergo, l’istituto conosce i soggetti e il loro status. Quindi tenere bloccati crediti non soggetti a tassazione, non è regolare… checché.

  2. lidio guerrini ha detto:

    La difficoltà deriva dalle diverse filiali sul territorio che non hanno adeguata capacità di affronatre il problema e non hanno informazioni precise. Molte delle volte bisogna portare agli istituti di crdito le informazione e non bastano.

  3. FRANCO ha detto:

    Franco
    Stiamo attenti a parlare di “Istituti o Banche o Poste” perché nella vera prassi si ha a che fare con personale di sportello più o meno edotto in materia, infatti (parlo per esperienza) ci si può incappare in pareri diversi rispetto alla medesima situazione, di certo è che in questi casi bisogna proprio fare un distinguo tra situazione fiscale e situazione legale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Master Class Corso pratico – Il nuovo modello telematico di dichiarazione di successione e voltura catastale

Inizia l’26 Novembre 2018, il nuovo corso specialistico di formazione tramite webinar.

Corso, dal taglio pratico, che si occupa di analizzare il nuovo modello per la presentazione della dichiarazione di successione e voltura catastale esaminando, quadro per quadro, i dati richiesti per la compilazione con particolare attenzione anche alle differenze riscontrabili con la compilazione del precedente modello 4.

Il corso è rivolto a tutti i professionisti e collaboratori CAAF che si occupano di pratiche successorie e/o che offrono consulenza in materia.
E’ un corso di grande ausilio per l’intera gestione di qualsiasi pratica successoria.
Per maggior informazioni sui corsi, scarica la brochure qui.

Per maggiori informazioni sul webinar scarica la brochure da qui.

inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere le notifiche di nuovi articolo via mail

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: