Le successioni

Home » Blog » Aspetti normativi » Corte Costituzionale Sent.213/2016 – anche il convivente more uxorio ha diritto ai congedi ex L.104

Corte Costituzionale Sent.213/2016 – anche il convivente more uxorio ha diritto ai congedi ex L.104

Sulla linea delle ultime riforme in materia di rapporti di famiglia che hanno recentemente portato anche al riconoscimento giuridico delle convivenze more uxorio ai sensi e per gli effetti della L. 76/2016, anche la Corte Costituzionale con la sentenza n. 213 del 2016 ha dato rilevanza a detto rapporto stabilendo il rilevante principio secondo cui anche il convivente di persona disabile – che si occupi dell’assistenza in favore del partner malato o invalido – ha diritto di usufruire, con gli stessi diritti dei coniugi e dei parenti fino al secondo grado, dei tre giorni di permesso mensile retribuito e coperto da contribuzione figurativa previsti dalla legge 104 del 1992.

La vicenda parte dalla causa instaurata da un dipendente dell’ASL di Livorno per ottenere il riconoscimento del diritto ad usufruire dei permessi di assistenza previsti dall’art. 33, comma 3, della legge n. 104 del 1992 a favore del proprio compagno a prescindere dall’esistenza di legami di parentela, affinità o coniugio con l’assistito.

L’adito giudice del lavoro di fronte alla richiesta, sollevava, in via incidentale, questione di legittimità costituzionale dell’art. 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (disciplinatrice dell’assistenza, dell’integrazione sociale e dei diritti delle persone handicappate) “nella parte in cui non includeva il convivente more uxorio tra i soggetti beneficiari dei permessi di assistenza al portatore di handicap in situazione di gravità”, per assunta violazione degli artt. 2, 3 e 32 della Costituzione.

La Corte Costituzionale, per valutare la questione,è partita dalla analisi dei presupposti che fondano la norma oggetto di analisi rilevando che essa costituisce espressione dello Stato sociale che eroga un contributo previdenziale in forma indiretta, tramite facilitazioni e incentivi ai congiunti che si fanno carico dell’assistenza di un parente disabile grave. La ragione giustificatrice del riconoscimento di tale diritto è, infatti, da rinvenire nel favorire l’assistenza alla persona affetta da handicap grave in ambito familiare.

Per questo, quindi, l’istituto del permesso mensile retribuito si pone in un rapporto di stretta e diretta correlazione con le finalità perseguite dalla legge n. 104 del 1992, con particolare riferimento a quelle di tutela della salute psico-fisica della persona portatrice di handicap (riconducibile all’art. 32 Cost.), da garantire anche nell’ambito delle formazioni sociali in cui trova svolgimento la sua personalità (ai sensi del denunciato art. 2 Cost.) da identificarsi con “ogni forma di comunità, semplice o complessa, idonea a consentire e favorire il libero sviluppo della persona nella vita di relazione, nel contesto di una valorizzazione del modello pluralistico” (come già evidenziato nella fondamentale sentenza della stessa Corte n. 138 del 2010).

Da qui la valutazione da parte della Corte della irragionevolezza della norma che nell’elencazione dei soggetti legittimati a fruire del permesso mensile retribuito ivi disciplinato, non ha incluso il convivente della persona con handicap in situazione di gravità.

Tutto ciò premesso la Corte è, quindi, pervenuta alla declaratoria dell’illegittimità costituzionale dell’art. 33, comma 3, della legge n. 104 del 1992, nella parte in cui non include il convivente (e non solo quello “more uxorio”) tra i soggetti legittimati a fruire del permesso mensile retribuito per l’assistenza alla persona con handicap in situazione di gravità, in alternativa al coniuge, parente o affine entro il secondo grado., estendendo di fatto anche ad esso il diritto.

Questo il testo integrale della sentenza 213-pdf


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Master Class Corso pratico – Il nuovo modello telematico di dichiarazione di successione e voltura catastale

Inizia l’ 11 Settembre 2018, il nuovo corso specialistico di formazione tramite webinar.

Corso, dal taglio pratico, che si occupa di analizzare il nuovo modello per la presentazione della dichiarazione di successione e voltura catastale esaminando, quadro per quadro, i dati richiesti per la compilazione con particolare attenzione anche alle differenze riscontrabili con la compilazione del precedente modello 4.

Il corso è rivolto a tutti i professionisti e collaboratori CAAF che si occupano di pratiche successorie e/o che offrono consulenza in materia.
E’ un corso di grande ausilio per l’intera gestione di qualsiasi pratica successoria.
Per maggior informazioni sui corsi, scarica la brochure qui.

Per maggiori informazioni sul webinar scarica la brochure da qui.

inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere le notifiche di nuovi articolo via mail

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: