Le successioni

Home » Blog » Aspetti fiscali » Cassazione Ordinanza 14991/2018 – no alla deducibilità del debito fideiussorio

Cassazione Ordinanza 14991/2018 – no alla deducibilità del debito fideiussorio

La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 14991 dell’8 giugno 2018 è intervenuta in materia di imposta di successione, specificando nel dettaglio le caratteristiche che devono avere le passività per essere effettivamente deducibili.
In particolare la vicenda prendeva le mosse dalla sanzione elevata dall’Agenzia delle Entrate nei confronti del contribuente che aveva inserito nel passivo ereditario le garanzie fideiussorie del de cuius.

La cassazione, come anche da precedente giurisprudenza ha precisato che “ai fini della determinazione dell’imposta di successione, l’accettazione dell’eredità con beneficio di inventario non implica alcuna deducibilità delle passività diversa da quella ordinaria prevista per l’accettazione pura e semplice dagli artt. 20 e seguenti del d.lgs. 20 ottobre 1990, n. 346 (Cass. 11 febbraio 2011, n. 3349)” e comunque “e, ai fini della determinazione della base imponibile, i soli debiti ereditari deducibili sono quelli liquidi ed esigibili e pertanto le eventuali fideiussioni prestate dal de cuius non costituiscono passività deducibili, a meno che al momento dell’apertura della successione sussista l’insolvibilità del debitore garantito o l’impossibilità di esercitare l’azione di regresso, con il conseguente effettivo depauperamento dell’attivo ereditario (Cass. 21 febbraio 2008, n. 4419)”.

Ne consegue che una garanzia fideiussoria, pur passando in capo agli eredi, non essendo un debito certo ed esigibile e rimanendo comunque, nei rapporti interni col debitore principale, il peso economico del debito a carico di quest’ultimo, come dimostrano gli istituti del regresso, della surrogazione e del rilievo, non può nemmeno essere inserita in successione per abbattere la base imponibile.

L’unico caso in cui il debito rimane in capo agli eredi definitivamente, aprendo la strada ad una deducibilità del debito, è il caso in cui sussista la comprovata insolvibilità del debitore garantito o l’impossibilità di esercitare l’azione di regresso.

Di seguito il testo integrale dell’ordinanza

14991


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Master Class Corso pratico – Il nuovo modello telematico di dichiarazione di successione e voltura catastale

Inizia l’26 Novembre 2018, il nuovo corso specialistico di formazione tramite webinar.

Corso, dal taglio pratico, che si occupa di analizzare il nuovo modello per la presentazione della dichiarazione di successione e voltura catastale esaminando, quadro per quadro, i dati richiesti per la compilazione con particolare attenzione anche alle differenze riscontrabili con la compilazione del precedente modello 4.

Il corso è rivolto a tutti i professionisti e collaboratori CAAF che si occupano di pratiche successorie e/o che offrono consulenza in materia.
E’ un corso di grande ausilio per l’intera gestione di qualsiasi pratica successoria.
Per maggior informazioni sui corsi, scarica la brochure qui.

Per maggiori informazioni sul webinar scarica la brochure da qui.

inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere le notifiche di nuovi articolo via mail

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: