Le successioni

Home » Blog » Aspetti normativi » Cassazione Civile, sez. II, 21555/2018 – azione di accertamento negativo per disconoscere il testamento

Cassazione Civile, sez. II, 21555/2018 – azione di accertamento negativo per disconoscere il testamento

La cassazione civile  Sez. II, interviene,  con la sentenza 3 settembre 2018, n. 21555, in materia di prova della falsità della scheda testamentaria.In particolare, sostiene la Cassazione, la parte che contesta l’autenticità del testamento olografo non è tenuta a proporre querela di falso, ma deve proporre domanda di accertamento negativo della provenienza della scrittura e grava su di essa l’onere della relativa prova, secondo i principi generali dettati in tema di accertamento negativo.

La Cassazione, infatti, chiarisce che “le Sezioni Unite di questa Suprema Corte, componendo un conflitto di giurisprudenza, hanno stabilito il seguente principio: la parte che contesti l’autenticità

del testamento olografo non è tenuta a proporre querela di falso, ma «deve proporre domanda di accertamento negativo della provenienza della scrittura, e grava su di essa l’onere della relativa prova, secondo i principi generali dettati in tema di accertamento negativo» (sent. n. 12307/2015)”.

La decisione presa a suo tempo dalle Sezioni Unite risolveva una questione che vedeva dottrina e giurisprudenza suddivisi su due orientamenti differenti: il disconoscimento della scrittura privata e la querela di falso.
In particolare chi sosteneva la tesi del disconoscimento della scrittura privata riteneva che il testamento olografo, nonostante i requisiti di forma previsti dall’art. 602 c.c., fosse da annoverare tra le scritture private e quindi, per contestarne l’autenticità, sarebbe stato sufficiente che colui contro il quale fosse prodotto il testamento disconoscesse la scrittura.

La tesi peraltro veniva criticata a causa del rapporto intercorrente tra il soggetto che disconosce il testamento e colui che, invece, ha redatto la scheda testamentaria, in quanto chi si trova a dover disconoscere il testamento non sempre è un erede, mentre l’art. 214 c.p.c., intitolato “disconoscimento della scrittura privata” prevede espressamente che “colui contro il quale è prodotta una scrittura privata, se intende disconoscerla, è tenuto a negare formalmente la propria scrittura o la propria sottoscrizione. Gli eredi o aventi causa possono limitarsi a dichiarare di non conoscere la scrittura o la sottoscrizione del loro autore”. Chi non era nominato erede dunque, sostenevano i contestatori di questa prima tesi, non potevano disconoscere il testamento ai sensi di detto articolo.
Chi invece sosteneva la tesi a favore della querela di falso individuava nella scheda testamentaria una incidenza sostanziale e processuale intrinsecamente elevata, che la differenziava dalle altre scritture private, rendendosi quindi necessaria, per la sua contestazione, nonostante non fosse un atto pubblico, la procedura di querela di falso.

La Cassazione, comunque, ha optato per una soluzione alternativa: la proposizione di un’azione di accertamento negativo che contemperi le esigenze contrapposte lamentate in quanto:
-mantiene definitivamente il testamento olografo nella sfera delle scritture private, senza paragonarlo ad un atto pubblico, non introducendo il pericoloso concetto di scritture private la cui valenza probatoria risulterebbe “di incidenza sostanziale e processuale intrinsecamente elevata, tale da richiedere la querela di falso”;
-regola l’onere probatorio in modo che questo verta su colui che contesti l’autenticità del testamento;
-evita l’introduzione di un procedimento incidentale ad hoc come quello di querela di falso

Non quindi un semplice disconoscimento né, tantomeno un pesante processo incidentale per la querela (con onere della prova a carico del querelante peraltro).

Di seguito il testo integrale della sentenza

21555-2018


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Master Class Corso pratico – Il nuovo modello telematico di dichiarazione di successione e voltura catastale

Inizia l’ 11 Settembre 2018, il nuovo corso specialistico di formazione tramite webinar.

Corso, dal taglio pratico, che si occupa di analizzare il nuovo modello per la presentazione della dichiarazione di successione e voltura catastale esaminando, quadro per quadro, i dati richiesti per la compilazione con particolare attenzione anche alle differenze riscontrabili con la compilazione del precedente modello 4.

Il corso è rivolto a tutti i professionisti e collaboratori CAAF che si occupano di pratiche successorie e/o che offrono consulenza in materia.
E’ un corso di grande ausilio per l’intera gestione di qualsiasi pratica successoria.
Per maggior informazioni sui corsi, scarica la brochure qui.

Per maggiori informazioni sul webinar scarica la brochure da qui.

inserisci il tuo indirizzo email per seguire il blog e ricevere le notifiche di nuovi articolo via mail

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: